Scie Chimiche...un'inquietante presenza nei cieli di tutto il mondo!

http://www.acam.it/scie_chimiche.htm

http://www.nexusitalia.com/sciechimiche.htm                            E' attivo il nostro numero telefonico per contatti immediati o sms!! 3331587779

http://www.nexusitalia.com/schichimicheansa.htm                                   Per segnalazioni ed invio di foto con breve descrizione 

http://www.nexusitalia.com/interrogazionescie.htm                                  del fenomeno nelle vostre zone di residenza contattateci

http://www.chemtrailcentral.com/                                                               alla seguente email: centroricerchecs1@libero.it

http://www.carnicom.com/contrails.htm

http://www.rense.com/politics6/chemdatapage.html

http://www.apfn.org/apfn/contrails.htm

http://www.md80.it/approfondimenti/la-cospirazione-delle-scie-chimiche/

http://scie-chimiche.blogspot.com/2006/12/link-scie-chimiche-e-non-solo.html

http://www.sciechimiche-zret.blogspot.com/

http://www.sciesardegna.it/

http://www.sciechimiche.org/

http://www.disinformazione.it/scie_chimiche_rapporto.htm

http://www.tankerenemy.com

Che cosa è?

Sono un fotografo di moda e narrativo, però sono stato un osservatore avido di cielo fin da quando ero piccolo. Oggi è stato un giorno di pesante spray di scie chimiche (11.10.2010) qui nella parte occidentale N.C. Quando sono tornato a casa e ho iniziato a guardare le foto che ho scattato,ho notato questo oggetto insolito nelle scie chimiche.Ho pensato che forse i vostri ascoltatori potrebbero essere interessati.

I'm a fashion and narrative photographer, however I've been an avid sky watcher ever since I was little. Today it was a heavy chemtrail spray day (11.10.10) here in Western, N.C. When I got home and started going through the photos I noticed this unusual object in the chemtrail spray. I thought maybe your listeners might be interested.

Bjorn Luminaire

bearz@bearzimages.com

http://www.bearzimages.com

http://www.coasttocoastam.com/photo/category/photo-of-the-day

 

Scie chimiche e il nuovo gene resistente all'alluminio della Monsanto - Una coincidenza?

Pubblichiamo un articolo di Barbara H. Peterson, tradotto con la consueta accuratezza dall’amica Giulia che ringraziamo. Il testo verte su un nesso, che la giornalista correttamente intravede, tra modificazioni genetiche di piante e la dispersione nella biosfera di alluminio per mezzo degli aerei chimici. L’intervento della demoniaca Monsanto, che sta introducendo un gene resistente all’alluminio, lungi dall’essere un’azione volta a risolvere i problemi agricoli, si comprende nel quadro di una subdola politica basata sulla degradazione delle risorse alimentari. Non dimentichiamo, infatti, che, nel periodo dell’aratura, vengono dispersi filamenti di polimeri biocompatibili che, inglobati nel terreno e quindi nelle radici degli ortaggi e dei cereali, ne trasformano il genoma.

In questo modo, anche le piante naturali rischiano di diventare transgeniche: a questa trasformazione può concorrere, come ricorda l’ex militare francese Marc Filterman, l’irradiazione di campi elettromagnetici emessi da aerei come gli A.W.A.C.S. E’ stato infine testimoniato che velivoli militari hanno rilasciato fibre polimeriche (vettori per il particolato di metalli come alluminio e bario), in concomitanza con la messa a dimora di piantine di riso.Come mai la Monsanto ha sviluppato un gene resistente all'alluminio? La Monsanto sta attualmente introducendo sul mercato un gene resistente all'alluminio.

Ecco la storia: "I piccoli agricoltori poveri di risorse dei paesi in via di sviluppo devono fronteggiare difficoltà quotidiane che includono terreni poco fertili, siccità e scarsità di contributi. Le attuali tendenze globali relative ai "cambiamenti climatici" ed alla crescita della popolazione sono destinate ad esacerbare tali ristrettezze. Una ricerca di nuova generazione su coltivazioni geneticamente manipolate (GE) si pone l'obiettivo di alleviare queste pressioni attraverso il miglioramento di varietà colturali di sussistenza - come la manioca, il sorgo e il miglio - che incorporino caratteristiche come la tolleranza alla siccità, all'acqua ed all'alluminio nei terreni, oltre alla creazione di piante con una più efficiente sintesi dell'azoto e del fosforo." (fonte: http://www.ifpri.org/) Ora diamo un'occhiata all'inchiesta del giornalista Michael Murphy su scie chimiche, geo-ingegneria ed al fatto che nelle aree fortemente irrorate si rilevano livelli estremamente alti di alluminio e bario nell'acqua, nella neve e nel terreno (video in tre parti: farmwars.info).

Sarà una coincidenza che la Monsanto ci venga "in soccorso" con geni resistenti all'alluminio dato che le piante normali muoiono in presenza di eccessivo alluminio? Oppure si tratta di capitalismo opportunistico e di un pianificato monopolio corporativo delle fonti di cibo da parte della Monsanto, secondo un meccanismo di dialettica hegeliana basato su informazioni riservate circa un proposto programma di "geoingegneria" che in realtà è già in atto e sta saturando la nostra atmosfera con scie chimiche contenenti alluminio e bario? Questo non è un gioco, signori. Ci stanno attaccando da ogni lato nell'ambito di un deliberato piano omicida e genocida per arricchire ulteriormente pochissime famiglie e ridurre la popolazione mondiale a 500 milioni, come inciso nelle Georgia Guidestones. Questa è niente meno che guerra biologica.

©2010 Barbara H. Peterson

Fonte www.nexusitalia.it

Nuvole..? scie..rods..e fulmini..!

dal sito http://www.coasttocoastam.com/

Mosca

Ottobre 2009

L'Asperatus: la nuova nuvola!

Queste foto sono state regolarmente trasmesse dalla  Cloud Appreciation Society alla RMS (Royal Meteorological Society) in quanto non riconducibili ad alcuna formazione nuvolosa conosciuta, per tanto ne hanno chiesto una nuova classificazione per inserirle in una nuova categoria, chiamandole appunto Asperatus (brutale). La proposta è stata ufficialmente presentata all' Organizzazione Metereologica Mondiale a Ginevra, se sarà accetta Asperatus farà parte dell'Atlante internazionale delle nuvole, evento che non accadeva da più di mezzo secolo.

Cedar Rapids, Iowa. Da Cloud Appreciation Society / Jane Wiggins

Cedar Rapids, Iowa (USA). da Cloud Appreciation Society / Don Sanderson

Asperatus in Nuova Zelanda. Da Cloud Appreciation Society / Tanis Danielson

Pianura di Canterbury, uva Zelanda. Da Cloud Appreciation Society / Laurie Richards

Hanmer Springs, Nuova Zelanda. da Cloud Appreciation Society / Merrick Davies

Informazioni, fonte delle foto, dal sito www.disinformazione.it

Jean Etienne, Futura-Sciences

http://www.futura-sciences.com/fr/news/t/climatologie-1/d/lasperatus-un-nouveau-nuage_19479/

Arequipa (Perù) 15/05/2009

Sequenza fotografica inviata dalla nostra collaboratrice Peruviana Sig.na Alice Grace Diaz a cui và un nostro caro saluto e un abbraccio.

Costa dell'Oregon (USA)

I snapped this photo of a jet airliner headed south over the Pacific off the coast of Oregon. It circled twice before heading back the way they came. Gotta wonder what happened to make them turn around? I've only seen this happen once before. Barry Hobbs

barry1170@gmail.com Update: More info about this photo can be found at Corvallis Gazette Times.

Sarasota - Florida (USA)

On 01-29-09 my wife wake me up at 6:30am. She was leaving for work and saw strange drawings in the sky over Sarasota, Florida. I took a few pictures with my Canon Power Shot A540. One of the drawings looks like a woman with a purse in her left hand; the other two remind me of hearts. And there is the letter "B" in the second picture. Who knows who is the unknown artist who left his imaginations on morning sky?

Peter - ptomov@yahoo.com (www.coasttocoastam.com)

Mirto Crosia  (CS)

Inviate dal Sig.Chiarelli Natale

foto del 04/03/2008

Padova (06/07/2008)

Gentilmente inviate dal Sig. Mattia Zanetti di Padova, seguiranno dei brevi filmati del fenomeno che inseriremo a giorni sempre del Sig.Zanetti.

Milano ed Ancona (Aprile 2008)

Le foto sono state scattate e inviate dal Sig. Stefano Merenda.

Nuova ondata di scie chimiche a Cosenza e Paola....irrorazione in continuo aumento!!!

Paolo De Gaetano Responsabile del Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza1 e Calabria - Membro Gruppo Camelot- Stargate Group 27/02/2008

Mississippi Gulf Coast

These were taken on 12-17-07 in the Mississippi Gulf Coast skies around 4:00 PM. Randy Fox da www.coasttocoastam.com/

Minnesota

August 2007-- I stepped outside to go to my friend's house, looked up and saw this cloud formation. ISN'T IT STRANGE? There were not any planes or anything in view, and as you can see, it was a pretty nice sunny day. The small black dot by the cloud line, second from the right-is not anything strange. It was something I think on my phone or a weird angle of the sun? But nevertheless, it is the cloud formations themselves. I even called my mom to come out. This is using a Samsung telephone with V-cast, but there is no denying the strangeness of the cloud formation. I called my buddy who also took a photograph using his camera phone. Any ideas guys???

Jeff M. Le Sueur, Minnesota http://www.coasttocoastam.com/

Stati Uniti

Cosenza Centro e Università

Paolo De Gaetano e Gianluca Santaniello del Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza 1 e Calabria (Gennaio 2007)

Livorno

Alfredo Winter Stargate Toscana

Cloud Circle

Stati Uniti 21/11/2006

Strane forme ....

Sempre dagli stati uniti ci giungono delle foto molto particolari....

August 2006-- While visiting Marietta, Ohio, my brother, John, captured this image of the bridge with the beautiful clouds in the background. At the time of the photo, the strange billow of light was not visible to the human eye. As you can see in the photo, the light is reflected upon the Ohio River. We do not know what caused this towering gaseous cloud of light.

Thomas K.

Minacciose nubi sugli States

Vi proponiamo una serie di tre foto gentilmente concesse da un amico americano del Texas tra l'altro inserite anche sul sito americano di George Noory www.Coasttocoastam.com  vista la stupefacente forma, che sicuramente saranno delle normali formazioni nuvolose....per molti illustri del mestiere, ancora una volta dico Mah!!!! senza aggiungere altro si commentano da sole...

Dark Clouds Roll By

C2C listener Leslie (email) shares these ominous photos of dark clouds rolling over Cedar Rapids.

Paolo De Gaetano Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza1 e Calabria - Gruppo Camelot - Stargate Toscana.

In zona Lecco

a cura di Eugenio Nava da Calolziocorte - Lecco.

Scie chimiche in Puglia

Foto scattate personalmente nel Giugno 2005 in Località S.Maria di Leuca dove ho trascorso una settimana di ferie.

Paolo De Gaetano Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza 1 e Calabria - Gruppo Camelot -  Stargate Toscana.

Nuova ondata di scie chimiche a Paola (CS)

Domenica 13/11/2005 verso le 10.35 del mattino eravamo come di consueto a leggere i quotidiani locali per le ultime notizie sulla nostra regione, la giornata era splendida e azzurra come i migliori giorni di agosto! gente camminava, chi in bici, chi a godersi caldi raggi solari sulla spiaggia, insomma una bellissima domenica... Improvvisamente come accade spesso, abbiamo notato , noi come tutte le persone presenti sul lungomare una scia strana come fumo nero ma non marcatamente nera abbastanza schiarita ma che contrastava con il cielo limpido e azzurro.Questa si estendeva da est-sud est e tagliava il cielo andando verso ovest - nord ovest, non vi era niente ne al capo ne alla coda della stessa..ma a pochissimi secondi del suo apparire nei cieli spunta un aereo......che la ricalca pari pari con le stesse traettorie passandoci sopra!! e rilasciando una scia bianchissima  ben marcata  che come di consueto sosta per moltissimi minuti nel cielo e inizia ad espandersi con velocità...l'aereo non è solo e a distanza di pochissimi minuti altri due velivoli passano parallelamente alla stessa scia.....inutile dirvi che gli aerei erano sempre i soliti ...l'osservazione con il binocolo ne dava un aspetto  chiaro senza contrasegni, un altezza che non superava i 4000 metri, e con il getto delle scie che fuoriusciva come di solito non dai reattori ma dai fianchi dell'aereo...ma forse abbiamo la vista debole, offuscata, e il binocolo non è di buona fattura! ma in poco tempo il cielo è diventato pallido e delle lattiginose nuvole hanno iniziato ad espandersi come potrete notare dalle foto!!! Ma chissà cosa abbiamo visto...!!! si tutto normale.....semplici scie di condensazione....Poveri noi!!!

Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza1 e Calabria -  Gruppo Camelot

Allarme per malori a Bagheria

Giallo sul vento che fa soffrire

E' ormai allarme a Begheria (Palermo) per gli strani malanni che colpiscono almeno metà della popolazione. Quando si alza il maestrale sono in tanti che affermano di accusare malori. I sintomi sono quelli delle allergie: mal di gola, occhi arrossati e febbre. E dopo le denunce di questi malesseri l'amministrazione comunale ha avviato un indagine per verificare tutte le possibili cause del fenomeno.La causa dei malanni potrebbe arrivare dal mare. Occhi puntati sugli scarichi fognari anche se non si possono escludere anche piste, come quella dell'eventuale inquinamento chimico.Secondo alcuni abitanti della frazione marinara tutto è cominciato nel 1999. E da quell'anno, sostengono, i casi sono aumentati. "I tecnici del comune di Bagheria - dice Onofrio Lisuzzo, responsabile del servizio idrico integrato - verificano costantemente il corretto funzionamento del depuratore, analisi di varia tipologia vengono effettuate con scadenze settimanali, quindicinali, mensili e trimestrali. L'ultimo rapporto, eseguito il 9 agosto scorso, sulle acque in uscita dal depuratore hanno confermato che i campioni sottoposti a prova erano nella norma"."L'amministrazione ha già ottenuto il finanziamento per un progetto che - afferma una nota - prevede il riuso delle acque reflue del depuratore in modo che esse non vengano piu' scaricate a mare". Soluzione questa auspicata, da Riggio, che ritiene che questo sia l'unico modo per rispettare l'ambiente marino".

Fonte  http://www.tgcom.it/

Ma qualcuno ha pensato di verificare se nella zona vi è il passaggio di aerei non convenzionali e la presenza di scie chimiche? staremo a vedere il susseguirsi delle notizie!!

Sanremo (IM)

Ancora segnalazioni preoccupate dai cittadini, qui di seguito l'eccellente servizo fotografico del Sig. Marcianò che ci ha con la sua gentilezza, preoccupazione,  coscienza e conoscenza del fenomeno, inviato le foto che potete osservare, un servizio fotografico che ci ha reso merito per gli anni che stiamo dedicando allo studio e alla casistica di  questo ormai annoso problema delle scie chimiche che continuano imperterrite a solcare I nostri cieli e I cieli di mezzo mondo, per un controllo climatico ormai evidente a tutti....o solo a chi ha occhi e mente aperta per capire? un grazie al caro amico che ci ha fornito il materiale fotografico e a tutti coloro che giornalmente ci dimostrano con la miriade di email che ci giungono il loro interesse seguendoci, Grazie !!

**Note del Sig.Antonio Marcianò  le foto sono state digitalizzate dal fratello del Sig. Marcianò,  Rosario.

Gent.mo Dottor De Gaetano,

Le invio le fotografie scattate il 7 maggio 2005 a Sanremo (IM); Liguria occidentale. Le immagini mostrano le classiche scie rilasciate da aerei che sorvolarono la zona dalle nove del mattino sino almeno all'una di pomeriggio. Nel periodo seguente i voli sono continuati, con cadenza generalmente bi o tri- settimanale: ieri, ad esempio, decine di voli si sono susseguiti ininterrottamente per tutta la giornata. Gli aerei sembrano provenire dalla Francia e dall'aeroporto di Pisa. Ho notato che i voli s'intensificano quando qualche perturbazione comincia a valicare le Alpi Marittime: i corpi nuvolosi si dissolvono nell'arco di poche ore. Spesso anche la notte si ode il rombo dei velivoli le cui rotte sono del tutto abnormi: non coincidono con quelle dei voli civili i cui corridoi sono diversi, come anche le quote. Ieri, ad esempio, ho notato un velivolo che cabrava per dirigersi verso le nuvole che poi ha attraversato; un altro aveva una rotta curvilinea; un altro deviava notevolmente. Le conseguenze: poche gocce di pioggia in tre mesi, temperature torride, forse anche un'anomala epidemia influenzale. In questi mesi ho scritto alle redazioni di molti quotidiani, a Lega "ambiente" e a varie associazioni di consumatori: hanno risposto solo Tom Bosco di Nexus, l'Aduc, associazione di consumatori del Piemonte, oltre al Vs. sito, Centro ricerche Leonardo da Vinci. Ringrazio dell'attenzione e della sollecitudine, rinnovando i miei attestati di stima per il Vs. encomiabile lavoro.

 

Antonio Marcianò

Catanzaro

Vi proponiamo delle belle foto di scie chimiche inviateci dalla nostra cara amica e collaboratrice Luciana Loprete che salutiamo affettuosamente per la sua disponibilità ad inviarci articoli, indagini e materiale fotografico, grazie Luciana!!

Luciana Loprete ricercatrice indipendente, articolista di varie riviste del settore e cara amica http://www.calabriamystery.it

Tampico stato di Tamaulipas (Messico)

Abbiamo ricevuto una gradita segnalazione di un ricercatore interessato al fenomeno delle scie chimiche e dei suoi risvolti sempre strani e misteriosi, Tiziano ci ha fornito la descrizione che segue accompagnando i fatti da alcune belle foto che vi proponiamo, un grazie a Tiziano per aver visitato il sito, per averci contattato e fornito il materiale CR.

Il tutto accadde quando stavo sulla strada per Tampico, stato di Tamaulipas, a circa 100 km dalla città. C'erano varie scie chimiche e lungo la strada semi desertica si potevano vedere vari sistemi di antenne, non ho potuto distinguere il tipo, anche perchè qui sono leggermente diverse da quelle italiane. Comunque antenne per cellulari (non so se anche di microonde) e alcune che sembravano radio, la cosa strana è che dove c'erano le antenne c'erano le anomalie.La prima foto è di una nuvola striata, tigrata, ne ho viste anche altre volte. Quel giorno sembravano particolarmente artificiali. L'ultima invece riguarda due nuvole tonde o meglio sferiche, vicine, che si sono dissolte in pochi minuti, ma che avevano una luminosità spaventosa. Tanto che nella foto sembrano finte. Non ho fatto a tempo a fermare la macchina per fare delle foto da fermo, che già stavano dissolvendosi.Anche se non sono stupefacienti come quelle pubblicate sul sito, mi sembrano comunque da analizzare.Fammi sapere che ne pensi.

Tiziano.

 

Paola (CS) 05/05/2005

Come per dire...tanto non ci fa caso nessuno!!

Giusto per non essere secondi a nessuno!!!

Prima Periferia di Bologna

E' stata fatta nelle vicinanze di Castenaso, prima periferia di Bologna, ore 19.00 circa, direi fine marzo 2005.

Inviato dalla cara amica Serena Tracchi (Ass.Libero Arbitrio - Gruppo Camelot)

Voghera (PV)

6 gennaio 2005 ore 16:30, direzione WSW

Fabrizio Rondina Presidente Hwh22 - Membro Camelot e caro amico.

www.hwh22.it

Torna su

 Catanzaro

La nostra cara amica Luciana LoPrete ci invia due foto di scie scattate a Catanzaro, emblematiche!!

Luciana LoPrete ricercatrice indipendente, articolista di varie riviste sul Mistero e cara amica del Centro Ricerche e mia personale, visitate il suo splendido sito all'indirizzo http://www.calabriamystery.it

Torna su

Scia colorata in Sicilia

Un interessante segnalazione su il quotidiano "La Sicilia" di una scia colorata....una nuova variante delle scie chimiche? staremo a vedere!!!

Enna - Scia colorata in cielo, è mistero
Giovedi, 23 Settembre 2004

Da: La Sicilia online  Enna - Scia colorata in cielo, è mistero  ENNA - Una scia colorata in alta quota che taglia il cielo sopra la  provincia di Enna, quindi una piccola nube che rapidamente si dissolve e, a  poca distanza, un aereo. Una descrizione che coinciderebbe con le prove  balistiche effettuate su missili disarmati che poi vengono fatti esplodere  con microcariche per evitare che cadano integri al suolo. E' quanto  dichiarano di avere visto, martedì  21 intorno alle 7, alcuni testimoni che  hanno attivato il comitato cittadino «Salvare Nicosia» che ha auspicato  chiarimenti sull'episodio ricordando che le esercitazioni militari sui  centri abitati sono vietate. L'Aeronautica militare italiana dice di non  saperne nulla. «L'Aeronautica - affermano fonti ufficiali - non ha  effettuato alcuna attività nella zona e nella giornata indicate». Resta il  mistero. 

Fonte: La Sicilia, collaborazione Pietro Torre

Torna su

Scie in Trentino

Ci giungono puntuali foto di scie in ogni parte d'Italia, questo indica che il nostro lavoro di informazione presso i cittadini ignari di tanti Cover up che da anni vengono perpetrati a nostra insaputa, stanno lentamente ma in numero crescente "osservando" cose che prima si cercava di far passare per banalità...

Questa foto è stata scattata in Trentino località Fazzon (Pellizzano) coordinate (46°18' - 10°45') intorno al 25 Agosto 2004 e sembra trattarsi proprio di scie chimiche in corrispondenza delle quali iniziano ad addensarsi ammassi nuvolosi. Saluti Patrizio Gallovich.

Un caro saluto da Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza1 e Calabria

Torna su

Scie e ufo

La sequenza di foto e filtraggi è stata inviata dal caro amico Franco Bertelegni del gruppo HWH22, davvero speciale!!

www.hwh22.it

Torna su

Legnano (fine aprile 2004) http://www.nuovaricerca.org/

Torna su

20/04/2004 (Voghera)

Fabrizio Rondina  Responsabile HWH22 - Gruppo Camelot - www.hwh22.it   -  www.gruppocamelot.too.it

Torna su

Paola (CS) 13/14/Marzo 2004

Ce stato un breve periodo di calma , come di solito succede prima di una nuova "ondata" e difatti in questi giorni di Marzo le prime belle e limpide giornate di sole sono state devastate dalla presenza delle scie!! siamo arrivati a contare tra le 16.00 e 18.00 di domenica una ventina di aviogetti....che si scambiavano le traettorie con una disinvoltura "cronometrica"  eccovi  i risultati!!!!!!

Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza1 e Calabria  -  Gruppo Camelot

Torna su

Aggiornamento del 16/01/2004 inviate dal nostro caro amico Fabrizio Rondina Gruppo HW22H - Gruppo Camelot

Torna su

Località Serravalle (Alessandria), inviate dal nostro caro amico e componente del gruppo HW22H - Gruppo Camelot Franco Bertelegni

Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza1 e Calabria - Gruppo Camelot email: centroricerchecs1@libero.it

Torna su

Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza1 e Calabria - Gruppo Camelot

Continuano, ed in maniera vistosa e costante, la presenza di scie anomale nei nostri cieli, la nostra associazione vicina a questa problematica vi proporrà aggiornamenti costanti e che possano "aprire" un po' gli occhi...ai più disinformati!!! (Paola 28/12/2003)

Torna su

Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza1 e Calabria - Gruppo Camelot

Questa mattina 19/12/2003 appena uscito ho notato un limpida giornata di sole, un po' freddina ma limpida..il tutto è durato qualche ora, dopodichè sono apparse, come di solito avviene in questi cieli tersi, una miriade di scie!! e il tutto pian piano è piombato in varie chiazze lattiginose nel giro alcuni minuti!! non vedevano l'ora di augurarci Buon Natale!! email: crcosenza@email.it

 Torna su

Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza1 e Calabria - Gruppo Camelot

Cittadella del Capo (Cosenza) Giorno 23/11/2003 ore 17.00

 

Torna su

Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza1 e Calabria - Gruppo Camelot

Ormai la presenza delle scie chimiche in Italia come in svariate parti del mondo è divenuta una costante, lungi dallo sparire...cavalcano I cieli di questo sofferente pianeta alla ricerca di cosa? risposte nessuna....domande tante!! noi ricercatori tacciati da enti e strutture più o meno autorizzate come "paranoici delle cospirazioni" veniamo finalmente investiti dalla dovuta considerazione, non tanto dai canali di informazione convenzionali, poco inclini a indagare su questioni serie e da sempre avvolte in preoccupanti silenzi,ma da chi, ormai da anni, affronta le più disparate tematiche nel campo ufologico, geopolitico,e dei misteri col fine di avere quante più verità possibili, riviste come Nexsus, Avvenimenti,StargateMagazine,il Camelot Chronicles, danno voce e informazione forte, e la neonata componente associazionistica chiamata Gruppo Camelot (di cui questo Centro Ricerche fa parte) sa che le risorse di questa nuova e libera ricerca, può contare su questi canali di informazione  in linea con il proprio modo di guardare "oltre" le apparenze... Siamo arrivati a far si che onorevoli come i deputati Sandi e Ruzzante,dei Ds veneti, hanno perfino presentato un'interrogazione parlamentare per capire cosa stia succedendo, con l'emissione di queste scie da parte di aerei che volano a quote basse, e su linee di volo non "autorizzate"? rilasciando queste lunghe e indissolubili scie,di svariate forme e di durata incomprensibile!! tanto da ritrovarsi dei cieli tersi con dei lattiginosi nuvoloni....No si riesce ad avere informazioni definite..chissa' perchè? gli stessi onorevoli hanno incontrato una miriade di difficoltà ricevendo risposte aleatorie da tutti gli organi contattati e sono stati molti...le componenti di queste scie a resoconti generali da varie associazioni specie americane che ne trattano l'argomento,sembrano essere composte da solfati di alluminio e bario, o sostanze che servano a rendere alta la conducibilita elettromagnetica della ionosfera, utile forse al sistema HAARP? per il controllo climatico e non solo...? che dire? oppure disperdere qualche altra cosa nell'aria? chissa'...noi continueremo ad alzare la testa e scuoterla al passaggio delle "candide" scie...finchè non ne sapremo qualcosa di più....se ne sapremo mai qualcosa di più....

Interrogazione a risposta scritta - 02/04/2003 n. 405922 Scie chimiche rilasciate dagli aerei Al Ministro della salute. - Per sapere - premesso che: sono pervenute numerose segnalazioni da parte di singoli cittadini, associazioni specializzate e organi di stampa circa il fatto che nel nostro spazio aereo operano velivoli che rilasciano scie persistenti di natura sconosciuta, cosiddette chemtrails, cui segue un cambiamento nelle condizioni del cielo, con la formazione di nuvole, generalmente di tipo a strato; le poche spiegazioni ufficiali, non sempre convincenti, spiegano il fenomeno come risultato dello scarico di carburante da parte delle aviocisterne KC-135 e KC-10, che le chemtrails sono semplici pesticidi oppure le normali scie di condensazione; parte della opinione pubblica si chiede invece se le scie chimiche siano collegate con alcune malattie e in particolare con l'elevata incidenza dei tumori come nel caso della vallata Feltrina che ha il maggior numero dei malati di tumore (34,5 per cento mortalità maschile e 23,3 per cento femminile) in tutta Italia - se il ministro abbia mai preso in considerazione simili fenomeni; se ritenga opportuno avviare un monitoraggio sulle cause dell'anomalo livello dei tumori nel Feltrino; se ritenga inoltre opportuno fornire spiegazioni sulle conseguenze che le scie chimiche rilasciate dagli aerei possano avere, nonché chiarire se vi è stato un aumento del traffico aereo che sorvola la regione del Veneto in particolare sulla Val Belluna; infine se sia a conoscenza che siano stati mai effettuati esperimenti per variazioni microclimatiche con sostanze chimiche.

Il servizo fotografico presente è stato fornito dal Gruppo Stargate Toscana a nome di Carlo Guerrucci ricercatore ufologico e nostro caro amico

Il giorno 06, attorno alle ore lO, 30, mi trovavo per lavoro presso la stazione di Rosignano Marittimo, (Livorno) quando ad un altezza non decifrabile, la mia attenzione fu colpita da un enorme scia biancastra, molto simile a quelle lasciate dagli aerei, ma di dimensioni davvero gigantesche, credo che la larghezza fosse intorno ai cinquecento metri, e la lunghezza si perdeva all'orizzonte, in direzione nord, la scia aveva la sua provenienza dal mare, per intenderci, e i dirigeva verso l 'interno,credo che si possa dire che all'incirca tenesse una direzione Sud Nord. verosimilmente credo che si trattasse di qualcos'a di artificioso, in quanto a differenza delle scie lasciate dagli aerei. le quali in poco tempo si dissolvono, e questa,che dopo circa un ora e mezzo era sempre visibile nitidamente.La stessa segnalazione, mi e stata fatta da un mio conoscente il quale ha notato pure lui il .fenomeno, testimone che per avvertirmi dell' evento mi contatta nel giro di pochi minuti, al momento che ci rendiamo conto della presenza della scia.

Centro Ricerche Leonardo da Vinci Cosenza1 e Calabria - Gruppo Camelot

Torna su